Blue eyed boys meeting brown eyed girls

After years and years of being considered (by the Average Italian Guy) a classical example of a “not that pretty (i.e., quite ugly), but smart and fun” kind of girl, I moved to Holland, where, well, things are… different.
Okay, it’s not that – as soon as I got off the plane in Schiphol for the first time – the magical Dutch air transformed me in a tall, blond, hot supermodel. It would also be untrue if I said that, at the moment, I’m surrounded by bunches of admiring ADMs (Average Dutch Males). It’s not even that in Italy guys were never interested in me at all.
It’s a fact, tho, that Italian girls with my kind of physical features (short, fleshy, brunette, brown eyes) raise more interest among Dutch guys than among Italian ones.
All this “romantic” (honestly, most of the time it’s anything but romantic) interest towards me used to be quite puzzling, as in Italy it’d always been all a: “I’ve never met this friend of yours, Alice… how is she?”, “Hmm… simpatica*!”, then you arrive in Holland and… wow, guys actually find you attractive! Or at least they are like: “Not my type, but can’t say she’s ugly”. You can imagine I was kinda: wait, what happened? How is this possible?
So – since my life is empty and boring – I started thinking about it and eventually got to the conclusion that there are two main reasons why Italians girls like me are sorta popular among ADMs:
a. “Typical” Italian girls are like an exotic species, here where the average Dutch girl is tall, blonde, has blue eyes and doesn’t know how to dress properly.
Those brown eyes that in Italy have always been considered common and ordinary, suddenly become special, charming and magnetic. Being short means being cute, when you’re the first girl ever who has to stand on her toes in order to kiss this ADM. Plus, you are Italian, so you surely can cook, have a passionate temperament, are a naturally loving and caring person and I could go on for hours with other stereotypes we all know aren’t always true, but whatever.
b. Dutch guys, in general, seem to me to be less superficial than Italian ones.
Obviously there are exceptions, but only in Italy it happened to me to hear, quite often, bullshit like: “Nah, I’d never go out with that girl: she is too fat/skinny, has less boobs than me, has such a big nose…”.
My Italian male friends can be very mean when talking about girls, even if other girls (i.e. my friends and I) are around. Here in Holland it has never occurred to me to hear stuff like that. Yeah, sure, also here guys like to point out what they don’t like about a specific girl, but in a less rude and categorical way: “Hmm, she’s not really my type, she’s too skinny in my opinion” or “I don’t think she is ugly, but she definitely uses too much make-up for my taste” and things like these.
Of course, I’m not saying that Dutch guys can’t be superficial (probably they say horrible things when no girls are around) or that all the Italian ones are, but – for what I’ve experienced – ADMs seem to be not exclusively focused on the physical appearance, are usually more keen in finding positive aspects in girls they are not interested in and are surely more aware of the fact that, if you don’t like a specific girl, that doesn’t mean nobody can find her attractive (typical Italian guy’s way of thinking: I don’t like that girl. That girl is ugly. Universal Statement. End of the story).

Now, I wanna warn all the Italian-looking girls out there interested in Dutchies: the fact that ADMs would probably find you pretty doesn’t make hooking up with them an easy task.
In the Netherlands there’s kind of an actual equality of sexes: that means girls are as much active as guys are, when it comes to flirting and all that stuff. So, when in a club or a bar in Holland, don’t expect to receive the same kind of attention you are used to in Italy or in other southern European countries: ADMs seldom start flirting and – when they do – they aren’t really the best in it. They try, sometimes, but not with brilliant results.
Here are some examples of approaching techniques used by ADMs with me or other Italian (better: Italian looking) friends of mine:
– the overused method of making fun of your height. Classic. It occurred to me and friends of mine several times. Imagine this scene: you, Italian girl, are in a club; an ADM starts “dancing” next to you and eventually finds the courage to make eye contact: his blue drunken eyes stuck into yours, a hesitant smile on his face, then… he raises a hand, puts it parallel to the ground (some 120 centimetres from it or so) and starts moving it a few times from right to left and vice versa, eloquently informing you that you are short. You know, just in case you’ve never noticed it before. After this, the guy expects you to thank him for having given you this life-changing information in order to start an actual conversation. Of course, you actually just throw him a sarcastic look and move somewhere else.
– sometimes you are naive: the guy uses the lame, sad strategy of pointing out you are short, but still you start talking with him (he must be really cute, then!). After a first failed conversational attempt in Dutch, he realizes you are a foreigner. Even better: he finds out you are Italian. Now, Italian people who are reading this, do I seriously have to continue? Be prepared for a list of mispronounced Italian words, mostly referring to food, accompanied by annoying random gesticulation.
– while drinking a beer with a friend after a gig, I noticed that a nearby ADM was showing some interest towards me. Still overexcited by the great performance of one of my favourite bands, I wasn’t really paying attention to him, who was instead expecting a move from my side; a move that obviously didn’t come. This creative ADM decided to be brave and started walking in my direction, stopping halfway to collect something from the floor. A few moments later he was right in front of me, showing a badge and saying, with all the seriousness his drunkenness allowed him: “Hello, I’m from the press and I’d like to know your opinion about tonight’s concert”. Original way of approaching a girl, I have to admit that. Unfortunately, the comments his fellows and he made about my friend and me (in Dutch, thinking we couldn’t understand) weren’t so original. Neither so funny.
– Dutch are direct (have I ever said that?), so sometimes even their pick-up lines are: “Hey, my friend here is turning nineteen tonight! Would you like to celebrate with him, privately?!”. Nineteen? For God’s sake, I could be his mother!
– I was partying one night, as we old ladies still like to do once per month or so, when an ADM approached my friend and me, handing us a coaster with a phone number, a “Call me!” and a quite typical Dutch male name written on it. Accepting this valuable present, I asked him who was it intended for. “Both of you”, he happily replied. “Well, she has a boyfriend”, I told him, referring to my friend. “Then it’s only for you”, he said in all innocence. Gosh, the lad definitely knows how to make a girl feel special!

* Italian adjective meaning “nice, pleasant, fun, likeable”

Il MOM (Maschio Olandese Medio), parte seconda

Attenzione: quanto segue è stato scritto in un momento di folle intolleranza nei confronti del MOM; di conseguenza, esso contiene un alto contenuto di acidità e cattiveria gratuita. Non me ne vogliate e fatevi una risata: si scherza! Anche perché – se non ridessi di tutto ciò – avrei i miei buoni motivi per piangere, credetemi. In fondo in fondo, Olandesi, un po’ ik hou van jullie. E, dai, ve lo concedo, forse da qualche parte là fuori esiste un Olandese che non sia stronzo.

Prendete un MOM qualsiasi, il primo spilungone dal capello ingellato e le scarpe marroni che vi capita a tiro. Fatto? Bene. Mettetelo davanti a una lekker biertje e a un paio di kaassoufflé. Fatto anche questo? Splendido. Ora fategli la fatidica domanda: cosa fa di un Olandese un Olandese e non – che ne so – un Tedesco? (Nominare, senza motivo, la Germania e i suoi abitanti davanti a un Dutch è e rimarrà sempre uno dei miei passatempi preferiti).
Fatta la domanda, non aspettatevi una risposta ricca di originalità, giacché i MOM si distinguono fondamentalmente in due categorie:
Tipo A: risponderà che a rendere un Olandese tale sono l’apertura mentale, la tolleranza, un filino di freddezza, una certa dose di tirchiaggine, ma – soprattutto – la schiettezza. Ammetterà poi di possedere tutte le sopraccitate caratteristiche.
Tipo B: vi svelerà che gli Olandesi amano apparire (a sé stessi e al resto del mondo) come aperti alle differenze e tolleranti, quando essenzialmente sono tutto il contrario; aggiungerà poi le restanti caratteristiche citate dal tipo A e concluderà con un colpo di scena: voi, fortunelli, vi trovate davanti all’unico esemplare esistente di Olandese-non-olandese, nel quale, infatti, il solo aspetto tipico sopravvissuto è la schiettezza, mentre per il resto egli è open-minded, generoso e dotato di un carattere caliente difficilmente riscontrabile in un nordico.
Avvertenza: il MOM di tipo B è normalmente più olandese del tipo A.
Concentriamoci però ora sull’aspetto forse più caratteristico del MOM: la schiettezza. Come si è visto, che si ritenga tipico o atipico, il MOM – sempre e comunque – ama definirsi “diretto”. Credetemi, se mai vi capiterà di relazionarvi col popolo olandese, questo aggettivo vi darà il tormento e vi troverete spesso a domandarvi dove esattamente finisca la schiettezza e cominci invece la maleducazione.
La schiettezza neerlandese, soprattutto in campo romantico, ben si accompagna con l’altrettanto tipica mancanza di sensibilità e di tatto di questi freddi nordici individui: quasi totalmente incapaci di provare tenerezza o compassione, di rado appaiono all’occhio esterno come teneri cuccioloni coccolosi, ma più frequentemente come degli spigolosi individui senza cuore.
Alcuni esempi di schiettezza (o stronzaggine?) olandese:
– “Certo che hai il sedere proprio grosso!”. Ne sono consapevole, non c’è bisogno che tu me lo faccia notare, soprattutto visto che nessuno ha chiesto il tuo parere (già, non appartengo a quella categoria di donne che domandano “Mi trovi grassa?” per ottenere, in risposta, una evidente menzogna). “Eh, ma io sono diretto”.
– Quando, con dolcezza, riprendi un suo attimo di distrazione durante un gioco d’alcova: “Sì, scusa, è che stavo pensando al progetto cui sto lavorando in questo periodo, sai c’è un dettaglio che…”. La risposta alla tua conseguente, comprensibile incazzatura è, ovviamente: “Eh, ma io sono diretto”.
– “La tua birra costava due euro e sessanta. Mi hai dato due e cinquanta, quindi mi devi ancora dieci centesimi” … “Che c’è? Sono diretto!” (E tirchio. E non provare a tirare fuori la storia che qui in Olanda, a differenza che in Italia, la parità dei sessi è in vigore a tutti gli effetti).

Attenzione, però. Vi è un’unica occasione in cui l’Olandese non è diretto: quando gli si chiede esplicitamente di esserlo.
Uscite un po’ di volte con un Olandese, siate oneste ed aperte con lui, lasciate che apprezzi questo vostro aspetto (insieme a quelli più tipicamente italiani), cominciate a vostra volta ad apprezzarne la schiettezza, certe ormai che essa sia un aspetto immodificabile – e tutto sommato apprezzabile – della sua personalità e fate cuocere a fuoco lento per qualche mese. Bene, è ora il momento di richiedere un feedback su quanto state vivendo: ma quindi ci piacciamo sul serio? Ma quindi ci vediamo in modo esclusivo? Ma quindi non è solo mera lussuria? Lasciate che a tutto ciò egli risponda sì/sì/certo che no.
È a questo punto che… puff! avviene la magia: la sparizione dell’Olandese.
Dinnanzi a questa ghiotta opportunità di sfoggiare quella directness di cui tanto si vanta (cioè propinandovi un chiaro ed esplicito “Non mi interessi più”/“Torno con la mia ex”/“Ho finalmente trovato il coraggio di dichiararmi a Daan”), il MOM si intimidisce, preferisce fare il modesto, trincerandosi dietro a un inesplicabile silenzio. Perché, tanto, “ci frequentavamo solo da tre mesi: se non la cago più, non si accorgerà nemmeno che sono sparito”.

Il MOM (Maschio Olandese Medio), parte prima

Per quelli che mi conoscono e ancora non lo sanno o nel caso a qualcuno interessasse: la sottoscritta (dopo una breve parentesi scozzese) è tornata a vivere in Olanda. Rientrare nei Paesi Bassi significa farsi prendere dall’ansia ogni volta che ci si appresta ad attraversare una pista ciclabile nell’ora di punta, certo, ma anche poter finalmente mangiare bitterballen e vedere cospargere quel dannato burro d’arachidi su qualsiasi tipo di alimento, ahimè.
Disgraziatamente, però, tornare in Olanda significa anche e soprattutto ricominciare a rapportarsi con lui, il Maschio Olandese Medio (MOM).
Manco dall’Italia da un po’ e sinceramente, anche quando ci stavo, non sono mai stata molto interessata a Paesi Bassi e relativi abitanti; mi pare di ricordare, però, che nel Belpaese si abbia un’idea alquanto positiva dei MOM: altissimi, biondissimi, sorridentissimi, sono quelli che d’estate affollano spiagge/colline/montagne/laghi italici e fanno conquiste. Dei superfighi, insomma.
È decisamente giunta l’ora che qualcuno dica la verità.
Anzitutto, è bene premettere che da queste parti, in fatto di uomini (o donne, eh) ce n’è un po’ per tutti i gusti: vi è un’alta percentuale di Surinamesi (giavanesi, creoli e compagnia bella) e di altre etnie e nazionalità varie ed eventuali, compresi gli immancabili italiani (nel caso, per motivi a me ignoti, doveste sentirne la mancanza). La multiculturalità, a mio parere, è un aspetto positivo, tuttavia il MOM è lo stereotipo superblond che tutti avete in mente, per cui di esso andrò a trattare.
Come si riconosce, fisicamente, un MOM? Dall’altezza, direte voi. Uhm… ni. Nel senso: il MOM è decisamente alto. Altissimo. Le mie orecchie hanno udito MOM alti un metro e ottantacinque ammettere (in tutta serietà) che sì, lo sanno, sono bassi, non c’è bisogno che li si prenda in giro per questo. Se vi capita di sentire un MOM dire una cosa del genere, il mio consiglio è quello di ricorrere a un bel facepalm (decidete voi su quale face appoggiare il vostro palm e quanta forza imprimere).
Comunque, ok, il MOM sarà pure alto, ma non lo si identifica da questo dettaglio. No, il MOM lo si distingue dagli esemplari maschi di differente nazionalità solo e soltanto osservandone con attenzione le estremità: (a) capelli e (b) scarpe.
(a) I capelli (biondicci o biondissimi) del MOM sono ricoperti da uno spesso strato di gel e pettinati all’indietro, con netta riga laterale e solchi lasciati dal pettine bene in vista. Orrendi, ma utili quando tira il forte vento olandese: mentre i capelli di chiunque, compresa la sottoscritta, svolazzando da una parte all’altra (coprendoci la visuale rischiando di farci investire da un ciclista folle), la chioma del MOM non si smuove, resiste impavida là sulla vetta, perfetta nella sua tronfia inguardabilità.
(b) Scenario: tu, giovane italiana, sei in Olanda, supponiamo per una vacanza; hai addocchiato un bell’Olandesino seduto di fronte a te sul treno per Hoek van Holland e decidi di attaccare bottone (tenera lei! Buona fortuna). È un MOM proprio carino, vero? Quel viso pallido, quel nasuccio all’olandese, quegli occhi azzurri e quelle gambe lunghe lunghe. Ecco, ora, ascolta me: non arrivare alla fine di quelle gambe. Non farlo, ti dico! Ferma! Ok, allora abbassa lo sguardo, fa’ come vuoi, ma poi non dire che non ti avevo avvertita. Ecco. È inutile che inorridisci, te l’avevo detto! E non sfregarti gli occhi: ci vedi benissimo. Sì, sono proprio scarpe marroni. Con la punta. Orrende scarpe marroni con punta chilometrica. Ti diranno che le scarpe cognac abbinate all’abito blu sono il massimo dell’eleganza. Tu tratterrai (oppure no) un’espressione schifata e ti chiederai: ma come diavolo fanno a salire e scendere le classiche scale olandesi con ai piedi dei catamarani di quattro metri? Misteri.
Quindi, ecco le uniche due certezze che ho al momento nella vita: che lunga o corta, riccia o liscia che sia, la chioma olandese è immancabilmente ingellata e che, alle otto del mattino di un giorno lavorativo qualunque, ogni mezzo pubblico olandese è invaso da scarpe marroni. Tutto ciò mi inquieta, ma allo stesso tempo mi dà un senso di tranquillità e sicurezza.

Se quanto avete appena letto vi è sembrato vagamente interessante e avete voglia di conoscere altro riguardo il MOM, state all’erta: prossimamente vi sarà una seconda parte inerente la sua (inesistente) sfera emotiva/emozionale. Stay tuned!
(Ah, se ne avrò voglia, tradurrò tutto ciò in inglese acciocché i MOM possano leggere e coalizzarsi contro di me).